La favola di Ella, una piccola freelance

C’era una volta una piccola freelance di nome Ella. Ella viveva tranquilla nel paese di Piva circondata da tanti freelance ma Ella era molto timida e raramente usciva di casa o proferiva parola.

Ella però amava ascoltare le storie, soprattutto quelle antiche tramandate di bocca in bocca. Le preferite di Ella erano quella del tale che parlava, parlava e parlava così tanto e così bene, che tutti i Clienti cadevano ai suoi piedi. E poi c’era quella del tale che trasformava in lingotti d’oro tutte le idee ed i progetti che toccava. Ella viveva sognando di diventare come loro e anche un po’ più alta, a dire il vero, ma per il momento si accontentava di seguire piccoli progetti gentili senza avere bisogno di disturbare nessuno.

In un caldo giorno d’estate però la quiete di Ella e del paese dei freelance, venne spezzata dall’arrivo della temibile Lista la Commercia e dei 24 Effe, suoi scagnozzi. Fu così che il terrore dilagò nelle vie ciottolate di Piva e montagne di scartoffie cominciarono ad accumularsi sulle scrivanie dei freelance. I Clienti smisero di sorridere e divennero pochi e diffidenti, qualche freelance decise di abbandonare Piva e di cercare libertà altrove, altri cominciarono ad appendere manifesti fuori dalle finestre.

Ella si lamentò molto, si pettinò la chioma e si lamentò di nuovo. Stava molto bene a Piva e non aveva intenzione di andarsene ma sapeva che Lista la Commercia e i 24 Effe sarebbero tornati presto.

Così prese coraggio e decise di recarsi nel boschetto alla ricerca di Clienti, come aveva visto fare ad altri freelance. Portò con sé la sporta e le scarpe comode e si mise a cercare nell’erba fitta. Cercò per ore ed ore. E le ore divennero presto giorni ma nulla: i Clienti o scappavano veloci o erano già contesi in duello da altri freelance.

Allora la domenica successiva indossò il vestito buono e si recò nella piazza di Piva. Un passetto alla volta si mostrò alla gente senza passare raso muro e senza nascondersi dietro ai rampicanti come era solita fare. Rispose persino quando le parlarono e pensò che i lamenti che sentiva fossero simili ai suoi, il che non era poi così male.

Scrisse molto nei giorni successivi e pianificò un viaggio verso il fiume, in un territorio al limitare dei confini di Piva. Sulla strada incrociò altri freelance di passaggio, qualcuno cominciò a salutare quella freelance così bassa e dalla chioma così folta.
Una volta giunta al fiume era quasi sola e un po’ impaurita. Non c’era l’erba fitta che aveva trovato nel boschetto, ma una distesa di piante basse e molte rocce.

Strinse un po’ più forte la sporta e si mise a fare una cosa che le riusciva bene: ascoltare. E ascoltando tra il rumore del fiume e il brusio dei Clienti, cominciò ad abituarsi a quel nuovo posto. Dopo avere ascoltato tutti i rumori, Ella cominciò a cercare e, mentre cercava, sussurrava parole dolci. I suoi sussurri si trasformarono presto in una canzoncina cadenzata. Qualche Cliente incuriosito cominciò ad uscire dalla radura per vedere chi cantasse quella melodia. Ci vollero pazienza e molte canzoni ma dopo qualche giorno Ella fece ritorno a Piva con un Cliente nella sporta.

Aveva male alla gola talmente aveva cantato ma era serena e più sicura di sé: salutava chi incontrava lungo il sentiero e sapeva che a casa l’aspettava una scodinzolante Fatturella. E in cuor suo era certa che al ritorno di Lista la Commercia e dei 24 Effe avrebbe avuto un po’ meno paura.

[*Ogni riferimento a persone esistenti, animaletti scodinzolanti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale]

Vuoi imparare qualcosa di più sulle campagne pubblicitarie su Facebook? Ho creato una risorsa gratuita per te.
Restiamo in contatto? C’è la mia pagina Facebook.

Arianna Gambaro

Piacere di conoscerti. Mi chiamo Arianna Gambaro e sono una web e social media specialist freelance. Il mio mestiere è quello di aiutare piccoli business di lusso a raccontarsi online.
Ho una passione per il bianco e per il design minimal. Per il resto perdo spesso le chiavi, parlo molto di conigli e sogno l’Irlanda.
Contattami, sono disponibile a consulenze e collaborazioni per progetti interessanti.